Orme (libro + film)

Orme (libro + film)

La storia incredibile di una donna straordinaria che affronta il deserto australiano e che ancora oggi alla domanda “perché l’hai fatto?” risentita risponde: “perché non avrei dovuto farlo?”.
Otto mesi di traversata in uno dei più selvaggi territori dell’Australia accompagnata solo da quattro cammelli e una cagnolina.

Orme è diviso in due parti: la prima ambientata ad Alice Springs in cui l’autrice narra del suo addestramento come portatrice di cammelli presso diverse fattorie della zona.
La seconda invece è il viaggio nel deserto in sé.
E’ una narrazione personale in cui si alterna la cronaca dei momenti, anche difficili e drammatici, della traversata, unitamente all’introspezione personale.
Se dovessi riassumere il tutto direi che è “un viaggio alla scoperta di sé stessi”, senza timore di retorica.
Personalmente non leggevo un così bel libro “di viaggio” dai tempi di Chatwin.

star_blackstar_blackstar_blackstar_blackstar_white

Robyn Davidson stessa ha indicato Mia Wasikowska come l’unica attrice in grado di impersonarla e nessuno a posteriori potrebbe darle torto: l’immedesimazione è così convincente che Tracks risulta una delle migliori riduzioni cinematografiche che abbia mai visto, senza lasciare spazio ad alcun margine di romanzo.
Quello che si legge in Orme si ritrova pari pari nel film. A differenza di altre operazioni del genere meno riuscite (mi viene in mente il pedissequo Norwegian Wood), il risultato è coinvolgente.
Viene sintetizzata la prima parte del libro, ambientata ad Alice Springs, nei minuti iniziali per concentrarsi sulla traversata del deserto.
Scelta azzeccata della sceneggiatura, così che il film, avvalendosi di una fotografia superlativa, non solo restituisce la storia umana della Davidson anche a chi non ha letto il libro, ma ottiene valore aggiunto nel descrivere per immagini la bellezza aspra (e letale) del deserto australiano.

Consigliato